Copyright © 2014 by Mario Augimeri   •   All Rights reserved   •   E-Mail: movimento@sanfantino.org
Arte     Archeologia     Storia del Territorio
Movimento Culturale San Fantino
ONLUS
La Memoria
Fruizione
Promozione
Riscopriamo le nostre Radici     Valorizziamo la nostra Storia   Studiamo il nostro Territorio   Promuoviamo  i nostri Tesori   Tuteliamo i nostri Beni culturali
Un capitolo importante merita senz’altro la
realizzazione dell’Icona del Santo. Essa è
stata il frutto di uno studio attento e
approfondito e di una intensa collaborazione
fra il Movimento, l’artista palmese e
iconografa  Loredana La Capria e lo studioso
reggino prof. Domenico Minuto, autore tra
l’altro della traduzione dal greco del bios del
Santo (di cui parleremo ampiamente  più
avanti.)
L’Icona è stata realizzata riproponendo il
primo prodigio attribuito al Santo di cui si
parla nel Bios: l’attraversamento del Mètauros
“ come su terra asciutta”.  Lo stile dell’Opera
riprende i canoni della Iconografia bizantina,  il
periodo storico in cui il culto ebbe la maggiore
diffusione.
L’Icona
" Loredana La Capria, dopo uno  
studio condotto in un monastero  
femminile in Grecia, realizzava l'icona  
con i preziosi consigli di una monaca  
di clausura iconografa, la quale,  
eccezionalmente, aveva accettato di  
aiutarla. L'icona ripropone l'immagine  
del santo, e lo raffigura giovanetto su  
un cavallo bianco mentre attraversa il  
fiume Metauro (l’attuale fiume  
Petrace), di cui aveva  
miracolosamente fermato con la  
verga le acque vorticose. Tale  
raffigurazione è fedele alla descrizione  
del Santo contenuta nel bios scritto da  
Pietro Vescovo di Taureana nell’VIII  
secolo. “San Fantino il cavallaro  
appare giovane e bello, di buona  
statura, dai capelli neri e lisci, in  
aspetto da cavaliere, avvolto d’una  
clamide (mantelletta) come un atleta,  
montato su un forte cavallo (da cui  
forse oggi deriva il fantino), nel  
medesimo aspetto e nella medesima  
forma con cui di solito appare in  
sogno  alla gente del luogo”.
L'icona, che documenta nel tempo  
questo famoso miracolo, è stata  
generosamente donata dall’autrice,  
alla Parrocchia di San Fantino ed è  
custodita nella Chiesa parrocchiale,  
dove è esposta alla venerazione dei  
fedeli sin dal 1994, data del I°  
Panegirico di San Fantino.
Da allora si è meravigliosamente  
rinnovata e incrementata la devozione  
popolare per il Santo."
dal Libro delle Attivitą